Logo


Modus Vivendi


Il viaggio fotografico di Mario Cresci nelle Società di Mutuo Soccorso italiane

Per la prima volta le Società di Mutuo Soccorso, le antiche associazioni create dai lavoratori, sono raccontate attraverso l’obiettivo di un noto fotografo, che nel suo “viaggio in Italia” ne ha colto gli aspetti più sottili, lo spirito profondo.

Impressioni visive che non sono semplici immagini ma rappresentazioni cariche di significati, in cui il primo piano spetta ad una geografia umana dai connotati particolari. Una collettività variegata, dalla quotidianità densa di quei valori umani troppo spesso dati per scontati.

Un “microcosmo italiano”, come Mario Cresci lo ha definito nel volume che raccoglie le sue fotografie.

Ho ripreso in primo piano molti volti che rispecchiano la cultura e i segni della loro terra, dal Nord al Sud ho fotografato il trasformarsi di colletti e cravatte impeccabili in camicie aperte e maniche rimboccate, sotto lo sguardo di imponenti ritratti di Garibaldi”.

Ad accompagnare il viaggio, il simbolo del Mutuo Soccorso, quella “stretta di mano” che è presente in ogni Società per rappresentare unione, fratellanza, reciproco aiuto: tra lavoratori, tra ricchi e poveri, uomini e donne, cattolici e laici.

La campagna fotografica ha toccato le varie regioni d’Italia.

E’ stata realizzata dalla Fondazione Centro per lo studio e la documentazione delle Società di mutuo soccorso-Onlus (l’organismo istituito dalla Regione Piemonte per la valorizzazione del patrimonio storico, sociale e culturale delle Società di Mutuo Soccorso) con i contributi di Regione Piemonte e Fondazioni bancarie piemontesi ed ha visto la fattiva partecipazione della Rai-Segretariato Sociale che lo ha voluto nel suo programma di attività.

A corredo della mostra vi è un volume che raccoglie le fotografie selezionate da Mario Cresci tra le centinaia scattate in trentacinque Società.

Con la mostra Modus Vivendi il Mutuo Soccorso può essere visto in ambiti che non gli sono abituali. Una biblioteca, un castello, una certosa… prime tappe di un percorso previsto nelle strutture più diverse. Un invito ad un pubblico più vario a soffermarsi sul significato del mutualismo e sui suoi valori. Potranno essere ricetti, torri, chiese, musei, scuole, masserie, cascine, ville, mercati, stazioni... E soprattutto luoghi di lavoro, i più graditi perché così vicini alla storia del mutuo soccorso. Fabbriche, officine, miniere, mulini…, sedi che sono state strettamente legate alla nascita del movimento mutualistico e al suo sviluppo.

La mostra è suddivisa in cinque aree tematiche.

Le prime tre riportano la gamma di azioni che le Società di Mutuo Soccorso, le antiche associazioni create da lavoratori, hanno intrapreso per assicurare ai soci e alle loro famiglie una vita migliore sia dal punto di vista materiale che sotto il profilo morale e intellettuale.

Le due aree successive offrono una panoramica tipologica, geografica o storica del Mutuo Soccorso.
1-  PER UNA LIRA AL MESE
Le espressioni del mutualismo: il sussidio malattia, la reciprocanza, la pensione, il sostegno per disoccupazione, il sussidio per puerperio e baliatico, le spese funerarie, l’aiuto a orfani e vedove, la cooperazione di consumo e di lavoro.
2.  “L’ISTRUZIONE E’ LA BASE DA CUI SI DEVE PARTIRE”
Le iniziative culturali del Mutuo Soccorso: le biblioteche, le scuole professionali e di alfabetizzazione, le trasferte formative.
3.  IL TEMPO DEL RIPOSO
Le attività di svago in Società: la musica, il canto, il cinema, il teatro, le feste, le gite, il ballo.
4.  LE DECLINAZIONI DELLA SOLIDARIETA’
Le varie tipologie di Società di Mutuo Soccorso: operaie, cattoliche, femminili, militari, di mestiere, di azienda.
5.  IL FUTURO HA UN CUORE ANTICO
Due opzioni
 - Il Mutuo Soccorso della regione colto dall’obiettivo di uno o più fotografi locali. Una panoramica, in ambito regionale, delle molte Società ancora in vita, una visuale collettiva sullo spirito di solidarietà e sui suoi valori.
 - Il Mutuo Soccorso del passato. Un’antologia fotografica di immagini storiche di Società italiane e degli emigrati italiani all’estero.


 

                                                                         

                                    Le copertine del volume e del dvd realizzati per "Modus vivendi"


       

                                                              Alcune immagini della mostra

Allestimenti proposti - luoghi e date